Skip to main content
Cornovaglia

Cornovaglia coast-to-coast

Sicuramente sarete d’accordo che le esperienze di viaggio più belle sono quelle che si prolungano nel tempo. Soggiornare per settimane nella stessa città non è per nulla noioso e ci permette di scoprire tante cose caratteristiche.  Una tradizione molto americana che sta prendendo piede anche da noi da un po’ di tempo è viaggiare coast to coast. Questo modo di viaggiare, che nasce dalla tradizionale traversata orizzontale dell’America da una costa all’altra viene da noi riprodotta attraverso viaggi in auto.

Il viaggio in auto non è adatto a tutti, di solito viene organizzato da giovani che hanno pochi soldi e vogliono vedere quanti più posti possibile in tempi ridotti. Una meta che sicuramente vale la pena fare, ad esempio, è un giro in auto della Cornovaglia. Per gli italiani la Cornovaglia è una meta molto ambita, ma le città che la compongono sono tra le più varie e c’è veramente molto da vedere anche lungo il cammino. Ecco perché se avete a disposizione qualche sterlina, un’auto e almeno 4-5 giorni potreste ritrovarvi con una cartina stradale a girare da una città all’altra senza meta, fermandovi su scorci caratteristici senza particolare attenzione alla destinazione finale. Se però siete amanti della pianificazione ci sono un paio di bellezze che non potete saltare. La culla degli amanti del teatro, meta proibita di ogni coppia innamorata, è il Minack Theatre, un teatro all’aperto completamente in pietra, che si affaccia su una scogliera in Cornovaglia. Minack Theatre è costruito a picco sull’oceano, completamente intagliato nella pietra secoli addietro, questo teatro meraviglioso, unisce al suo panorama mirabile, la bravura di una compagnia teatrale che mette in scena le più grandi opere del teatro, principalmente inglesi. Shakespeare è tra i più ospitati, ma potrete ripercorrere l’intera storia del teatro osservandone i sedili; su ogni schienale, infatti, viene inciso il titolo di una rappresentazione e l’anno in cui essa è stata eseguita a Minack Theatre; e le rappresentazioni sono state proprio delle più varie. Porthcurno, così si chiama il paese che ospita questa meraviglia architettonica, è una delle mete più ambite della punta sud della Cornovaglia e vale una visita.

Se invece preferite il nord e le storie fantastiche, la città degli appassionati del fantasy, ovvero il presunto luogo di edificazione del castello di Re Artù è la vostra seconda meta. Chi di voi non si è mai chiesto dove abitasse il re più conosciuto delle nostre favole? Situato nella regione settentrionale della Cornovaglia, in Regno Unito,  il villaggio di Tintagel (o Dintagell in cornico – lingua originale del posto) ospita i resti, piuttosto spettacolari, di un antico castello, che la leggenda voglia essere la sede dei cavalieri della tavola rotonda e di re Artù. Oggi il villaggio è conosciuto con il nome di Trevena, ed è famoso anche per uno speciale tipo di pasticcino da mangiare con crema di burro e, logicamente, intingere nel tè inglese. La fortezza Celtica è veramente molto antica, ci sarà un bel po’ da camminare ma lo spettacolo che la natura offre è veramente spettacolare. Mare stupendo che si infrange contro scogliere a picco circondate dai resti dell’antica civiltà. Che si sia o no un appassionato di leggende cavalleresche, non c’è nulla di più esilarante che urlare a squarciagola dalla cima della scogliera, col vento che porta via ogni nostro più intimo segreto ed il mare che si agita schiumante ai nostri piedi… Ma state attenti perché anche nelle belle giornate il vento è fortissimi e potrebbe prendere in un attimo la sua vendetta. Se soffrite di vertigine la visita non è consigliata, infatti per raggiungere i resti del castello vi toccherà una bella arrampicata e per passare da un torrione all’altro dovrete attraversare addirittura un ponte sospeso che può far paura ai più coraggiosi. Quello che è sicuro è che se Artù giunse realmente in quel luogo, non stupisce lo abbia scelto come sua dimora; qualcosa di magico aleggi ancora tra le sue pietre. Sempre in Cornovaglia una delle mete quasi obbligate si chiama  Land’s end… la fine della terra. In effetti Land’s end, con le sue scogliere, è il punto più estremo del Regno Unito, l’ultimo punto di terra visibile prima delle Americhe, è punto di riferimento dei coloni che lasciavano la patria per indicare l’inizio del loro viaggio. Un’ultima meta prima del ritorno alla base, è uno spettacolo adatto a grandi e piccini. Torquay, sulla costa sud dell’Inghilterra, dove potrete trovare il Mangroves con Leaving Coast, la costa vivente. Questo parco acquatico dedicato a diverse specie di pinguini, uccelli acquatici, foche ed altri nuotatori ospita in semilibertà tutta una serie di animali, che vanno dai piccoli pennuti delle coste fino alle più grosse e aggressive otarie. Sarà possibile letteralmente camminare tra le specie più varie che giocano in semi libertà le une con le altre. Guarda sempre in basso è la regola, un piccolo pinguino, poco più grande della tua borsa, potrebbe infatti decidere di attraversarti la strada, e lui ha di sicuro la precedenza.

Per concludere il nostro itinerario verso casa, o verso l’aeroporto più vicino, se vi resta il tempo attraversato il parco nazionale Dartmoor nel Devon, dove animali di tutti i generi si avvicineranno alla vostra auto nel passaggio, una chiusura tra la natura spettacolare dell’Inghilterra che toccherà di certo i vostri cuori lasciandovi un ricordo indelebile di questa gita in auto…. E non scordate la giusta colonna sonora.

 

Sei interessato ad un Hotel in Cornovaglia?
Trova le migliori offerte su Booking.com.
Prenota ora! Clicca qui»

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza i cookie per fornirti una migliore esperienza di navigazione. Chiudendo questo messaggio, continuando la navigazione o scrollando la pagina, permetti l'utilizzo dei cookie. Voglio saperne di più

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi